bla bla grafica

La Fustella nella stampa

La fustella è uno strumento che viene utilizzato per creare delle forme astratte e precise su materiale tenero. Esistono tre tipi di fustella: la fustella piana (con base di legno), la fustella rotativa (legno curvato a cilindro) e la fustella forgiata.

La fustella piana, detta anche fustella americana, è costituita da un nastro in acciaio con la parte superiore tagliente. Il nastro in acciaio può essere modellato in base alla forma che si vuole creare sul materiale (carta, cartone, pelle tessuti ecc.). 

La fustella non ha solo il compito di tagliare, ma essa può anche piegare. Infatti, vi può essere inserita una lamina più bassa e non tagliente chiamata comunemente “cordone” o “cordonatore”, il quale andrà a provocare uno snervamento o piegamento del materiale dando la possibilità al materiale di essere successivamente piegato in quel preciso punto. In caso di lavorazioni più precise, al cordonatore viene sostituita una lama, detta “mezzotaglio”, che come dice la parola stessa va a tagliare il materiale interessato ma solo per una parte del suo spessore.

Una volta prodotta, la fustella, verrà inserita in un macchinario che, si apre e si chiude alternativamente e che una volta inserito il foglio da fustellare, permette di eseguire un taglio completo.  Anche questi macchinari possono essere di vario tipo: a libro manuali (platine), automatiche (autoplatine), piano cilindriche e tipografiche (semiautomatiche).

Questo strumento è fondamentale per tipografi e stampatori, in quanto il CAD (Computer-Aided Drafting), ovvero il disegno tecnico assistito dall’elaboratore, richiede una particolare precisione. Nello specifico, il tipografo o lo stampatore richiedono al fustellificio l’invio della sagoma di taglio o piega sotto forma di tratto su un foglio bianco/lucido o file grafico, ciò permetterà al grafico di impaginare con attenzione l’elaborato da stampare.

Le fustellatrici possono avere luci e formati di taglio massimo diversi permettendo una produzione che va dalla piccola scatola farmaceutica alla scatola da imballo. In base alla diversità della macchina non cambia solo la grandezza degli oggetti prodotti, ma anche la quantità.

TAGS
POTREBBERO INTERESSARTI